LUNA PARK
DO YOU WANT A CRACKER?

SALA ORFEO - dal 4 al 6 novembre 2016
dal venerdì al sabato ore 21.00 - domenica ore 18.00
durata_ 70 minuti

acquista_ora.png

Atterrare in un non-luogo e rimanerci. Perché forse un giorno arriverà un segno da un altro pianeta e per effetto di una solidarietà, l'insieme dello spazio terrestre diventerà un luogo. Essere terrestre significherà finalmente qualcosa. Prima di allora bisognerà attendere e prepararsi una frase da dire. Perché è nell'anonimato di un non-luogo che si prova in solitudine la comunanza dei destini umani. "Do you want a cracker?"

di e con Simone Perinelli
ispirato all'Opera di Cervantes e di Douglas Adams
aiuto regia e consulenza artistica Isabella Rotolo
regia Simone Perinelli
foto Simone Rocchi
selezione In-Box 2016

www.leviedelfool.com

SINOSSI 

Atterrare in un non-luogo e rimanerci. Perché forse un giorno arriverà un segno da un altro pianeta e per effetto di una solidarietà, l'insieme dello spazio terrestre diventerà un luogo. Essere terrestre significherà finalmente qualcosa. Prima di allora bisognerà attendere e prepararsi una frase da dire. Perché è nell'anonimato di un non-luogo che si prova in solitudine la comunanza dei destini umani. "Do you want a cracker?"

BIOGRAFIA

Leviedelfool vive dei progetti artistici di Simone Perinelli e di Isabella Rotolo. La compagnia lavora su drammaturgie originali ponendosi l'obiettivo di dar vita ad un Teatro contemporaneo in grado di collegare l'arcaico con il moderno: in grado di portare il mondo in sé dalla preistoria al presente anticipando l'avvenire.

NOTE DI REGIA

Atterrare in un non-luogo e rimanerci.

Una notte: quell'arco di tempo utile a mettersi in contatto con Dio prima che arrivi il mattino a dissolvere le trasmissioni radio notturne, a spegnere i fari delle auto che sfrecciano sulla tangenziale est di Roma.

Una notte per entrare nella wunderkammer di Don Chisciotte e un non-luogo per non pensare, ma solo attendere, preparandosi una frase da dire.

Perché forse un giorno arriverà un segno da un altro pianeta e per effetto di una solidarietà, l'insieme dello spazio terrestre diventerà un luogo. Essere terrestre significherà finalmente qualcosa. Prima di allora bisognerà attendere e prepararsi una frase da dire. Perché è nell'anonimato di un non-luogo che si prova in solitudine la comunanza dei destini umani.

"Do you want a cracker?"

LUNA PARK e la Trilogia dell'Essere

Dopo la scoperta dell'esistenza con Requiem For Pinocchio e la R-Esistenza con Macaron, affrontiamo l'ultimo capitolo della nostra Trilogia dell'Essere cercando di indagare i meandri dell'esistenza, alla ricerca di quella che per noi è la soluzione al problema esistenziale. Nell'affrontare quest'ultimo capitolo della nostra Trilogia abbiamo sentito la necessità di affiancarci, come per i primi due capitoli, a un antieroe o forse all'antieroe per eccellenza: Don Chisciotte. Questa volta però abbiamo voluto attingere non tanto dal personaggio, quanto dal pensiero che sottende al romanzo stesso.

In un momento storico dominato dalla perdita di senso e dei confini dell'umano, investito dall'eco della rivoluzione copernicana e del cannocchiale di Galileo, da uno sguardo oltre il finito, Cervantes crea la migliore traduzione manieristica di un personaggio letterario mai scritta finora: il cavaliere della Triste Figura, Don Chisciotte. Il romanzo di Cervantes rivela un'accusa contro una realtà fredda ed ormai estranea, dove a un idealista – anche non pazzo – non resta che trincerarsi dietro la propria idea fissa. Don Chisciotte, perennemente sospeso e in bilico tra il mondo dell'esperienza spirituale e quello dell'esperienza sensibile, della vita pratica e di quella ideale, della realtà concreta e dell'apparenza ingannevole, della poesia e dello sgomento.

Cervantes attraverso l'ambiguità dell'incertezza trasforma continuamente la realtà, rendendoci così complici dei suoi personaggi, dei quali condividiamo la capacità di non lasciarsi ingannare dall'apparenza delle cose, o di voler ancora credere che un altro sguardo sia possibile.

Crediamo in un'analogia storica tra il tempo di Cervantes e il nostro e attraverso questa lente abbiamo cercato di declinare quel che resta oggi della wunderkammer di Don Chisciotte e di Cervantes stesso affidandoci ai temi del sogno, della fantasia, dell'ignoto, per portare alla luce quella che per noi è la coscienza umana cercando di dar voce a quel desiderio di una condizione esistenziale diversa. Abbiamo raccolto quel sentimento di perdita dell'essere umano di fronte al cosmo e all'inevitabile ripetersi della storia, collezionato le domande senza affrettarci a trovare risposte, perdendoci nel grande Luna Park che è la vita stessa cercando, come Cervantes, di destreggiarci e mettere a confronto una realtà triviale con una realtà sublimata, la parziale accettazione e il parziale rifiuto di entrambe, l'unione paradossale di una concezione realistico- razionalista con una idealistico-romantica, l'insanabile dualismo derivante dal fatto che l'idea è inattuabile nella realtà e la realtà irriducibile all'idea.